Struttura

Struttura della biblioteca

 

Dopo tre mesi trascorsi a descatolare(450 scatoloni ) un patrimonio di 10.000 tra testi, riviste, miscellanea, vecchi archivi dello CSEF, libri doppi , con cutter ed esercizi di sollevamento, la nuova sede del Centro studi e documentazione Coni, Biblioteca Sportiva inizia aprendere forma e pronta per l'accesso al pubblico.

Attigua alla porta d'entata della Biblioteca si trova in una saletta il Centro Studi per l'Educazione Fisica e la sede del Comitato regionale della F.I.E.F.S. (Federazione Italiana Educatori fisici Sportivi), riproposta come poteva essere agli inizi, con i vecchi mobili di stile bolognese e con l'immancabile scudo rosso e il quadro di Emilio Baumann. Essa ricostruisce la storia del CSEF e del Comitato Regionale FIEFS con all'interno archivi e la collezione rilegata della rivista di educazione fisica ed altro prezioso materiale, nonchè coppe trofei, statuti e tutto ciò prodotto dalla FIEFS, dai gadget alle pubblicità dei corsi.

Entando dalla maestosa porta in vetro, quattro grandi sale compongono la biblioteca:


La sala di lettura, propriamente dedicata alla storia dello sport, ai libri storici, alle olimpiadi e alla sua storia, alle società sportive centenarie e bolognesi, all'AONI, alla storia di Bologna Sportiva, al Coni

 

 

da una seconda sala che prevede più settori, uno medico, uno di psicologia, di sociologia, di educazione, di educazione fisica in tutti i suoi rami e una di organizzazione dello sport, management e diritto sportivo;


da una sala centrale  che porta sul lato destro  i testi collocati per discipline sportive, dall'arrampicata al windsurf, per poi avere scaffali specialistici sull'allenamento sportivo corredati dalle riviste ;

da una scaffalatura centrale che divide la grande sala, dedicata al giornalismo sportivo, alle biografie alle conferenze sullo sport


da una parte di sinistra è organizzata con tematiche che vanno dalla fotografia, alla danza, all' arte, all'impiantistica e riviste corrispondenti.

la quarta sala è dedicata all'ampio numero di riviste di federazione, di diritto, di pubblicistica, della scuola, dei campionati studenteschi per estendersi a una parete contenente tesi e tesine, donate da vari docenti universitari o dagli studenti che ne lasciano copia, dalle riviste degli enti di promozione e da un settore ampio di audiovisivi. Tutto questo materiale è solo inventariato.